REFERENZA
Villa a Modena

Descrizione del Progetto


Referenza importante in quanto concepita con lo scopo di ottenere ottime prestazioni energetiche (casa in classe “A” riferito a CasaClima della Provincia Autonoma di Bolzano).

Cliente: Privato – Villa a Modena.
Visione complessiva dell’abitazione realizzata con struttura a travi e pilastri in cls con tamponamento in blocchi di Poroton ed in particolare la vista delle facciate su cui è stato realizzato un cappotto termico di silicato di calce + intonaco a finire per complessivi 25 cm. (U = 0,19 watt/mq.°k) e serramenti con vetro camera con elevata prestazione termica (U = 1,2 watt/mq.°k) : questi interventi di coibentazione termica dell’involucro (pavimenti/pareti/tetto/infissi) hanno permesso di ottenere un indice di prestazione energetica unitaria di 22 kwh/mq.anno che è assimilabile alla Classe “A” di CasaClima (BZ).

Particolare del parapetto del terrazzo al piano primo dove sono stati fissati in parete i tre pannelli solari piani che contribuiscono alla produzione dell’acqua calda sanitaria trasferendo energia termica prelevata dall’irraggiamento solare al volano termico inerziale del sistema di riscaldamento : il sistema impianto tramite le varie sonde poste sui vari punti dell’impianto stesso è in grado di capire quanta energia viene gratuitamente immagazzinata nel serbatoio inerziale e quanta in differenza ne viene prodotta dalla pompa di calore Geotermica per metterla interamente a disposizione dell’impianto in proporzione a quanto richiede l’involucro edilizio in quel momento.

L’abitazione è servita inoltre sia da un impianto solare termico con tre pannelli solari e da un impianto solare fotovoltaico da 4,5 kwpicco in grado di produrre buona parte dell’energia che serve per il funzionamento della pompa di calore.

Vista del locale tecnico in cui è stato posizionato l’impianto per la Ventilazione Meccanica Controllata con recupero di calore statico: come si vede dalla foto la lavorazione era nella fase in cui venivano montate le macchine della VMC e il relativo refrigeratore per il controllo della temperatura ed umidità nella stagione estiva.

A fianco della macchina sono stati posizionati i plenum ed i silenziatori per il raccordo tra i singoli condotti di distribuzione dell’aria in ambiente e le condutture principali entranti ed uscenti dalla macchina.

Vista complessiva della centrale tecnologica.

Impianto geotermico per prelievo del calore dal sottosuolo in combinazione con un tratto di tubazione della VMC interrato dalla torretta esterna fino al locale tecnico: la tubazione in polietilene diam. 32 interrata sottrae calore al terreno e lo trasferisce tramite una batteria di scambio termico all’aria di rinnovo prelevaya dal sistema di ventilazione meccanica garantendo che anche nelle giornate molto fredde del periodo invernale l’aria che proviene dall’esterno prima di entrare nella macchina della VMC viene preriscaldata ad una temperatura almeno superiore allo “zero termico”, poi il resto lo fa lo scambiatore a flussi incrociati della VMC.

Pozzetto interrato dove arrivano le tubazioni delle tre sonde geotermiche a ciclo chiuso (pozzi geotermici a glicole) e si uniscono in un unico collettore (mandata e ritorno): da qui partono la mandata ed il ritorno del circuito TERRA con acqua glicolata che entrano nel vano tecnico dove è stata posizionata la Pompa di Calore Geotermica.

Serbatoio interrato per Raccolta acque piovane.

Torretta di prelievo aria dall’esterno per essere poi convogliata alla macchina della ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore statico a flussi incrociati.

Pompa di calore Geotermica da 12 kw con tre sonde da 100 mt. Cadauna.

Dettagli